salta al contenuto

Rilascio del certificato giudiziale per ragioni di elettorato

Consente di conoscere solo le iscrizioni esistenti nel casellario giudiziale che incidono sul diritto elettorale, ai sensi dell'articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223 e successive modificazioni.

L'interessato ha diritto di ottenere il certificato senza motivare la richiesta.

Le pubbliche amministrazioni possono richiedere il certificato, quando è necessario per provvedere a un atto delle loro funzioni, ai sensi dell'articolo 29 comma secondo (commissione elettorale circondariale) e dell'articolo 32 comma primo, n. 5 (amministrazione comunale) del decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223 e successive modificazioni.

La richiesta ed il ritiro del certificato giudiziale per ragioni di elettorato possono essere effettuate dall’interessato, oppure da una persona da esso delegata (in tal caso l’interessato dovrà sottoscrivere personalmente l’atto di delega alla richiesta ed anche eventualmente al ritiro del certificato) presso l’Ufficio del Casellario della Procura della Repubblica.
Si richiede compilando una domanda in carta libera indirizzata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Urbino e ha validità di sei mesi dalla data del rilascio.

Alla domanda dovranno essere allegati:

  • copia fronte-retro di un documento d'identità in corso di validità del richiedente;
  • una marca da bollo/contrassegno telematico per diritti di cancelleria da € 3,87 per il ritiro senza urgenza (dal giorno successivo alla richiesta) oppure da € 7,74 per il ritiro con urgenza (in giornata).
  • eventuale atto di delega, alla richiesta ed anche al ritiro del certificato, sottoscritto dall’interessato (in caso di persona delegata);
  • copia fronte-retro di un valido documento di identità del delegato (che dovrà esibire l’originale).

La richiesta e l’invio del certificato può avvenire anche per posta, in tal caso occorrerà inviare:

  • domanda sottoscritta dal richiedente; 
  • copia fronte-retro del documento di identità in corso di validità del richiedente;
  • una marca da bollo per diritti di certificato da euro 3,87;
  • una busta già affrancata e riportante l’indirizzo del richiedente, che sarà utilizzata per la spedizione di quanto richiesto.